termini mediciSjögren, sindrome di [Sjögren syndrome, eng.]. Prende il nome dal dottor Henrik Samuel Conrad Sjögren un medico oftalmologo svedese (1899-1986) che in un lavoro del 1933 sulla cheratocongiuntivite gettò le basi per la conoscenza della sindrome. Si tratta di una malattia infiammatoria cronica, su base autoimmune, caratterizzata dalla distruzione delle ghiandole esocrine (tra cui le salivari e le lacrimali).  Ne consegue secchezza della mucosa orale (xerostomia), che porta a disfagia e infezioni del cavo orale; secchezza oculare (xeroftalmia) e quindi cheratocongiuntivite; ma anche  secchezze delle vie aeree, secchezza vaginale e numerosi altri disturbi. La sindrome si manifesta in forma isolata o associata ad artrite reumatoide. Secondo recenti stime ne soffrirebbero, in Italia, oltre 21.000 persone, in prevalenza donne. La terapia si basa principalmente sull’alleviamento dei sintomi, come soluzioni, lozioni e spray per la secchezza delle mucose. Ieri, 23 luglio, si è celebrata la giornata mondiale della sindrome di Sjögren, con una serie di iniziative volte a conoscere meglio questa malattia, a migliorare l’assistenza ai malati e a far progredire la ricerca. Nell’occasione, è stato presentato il film “La sabbia negli occhi“, del regista Alessandro Zizzo, che racconta la storia di Beatrice, una donna colpita dalla malattia. Il titolo ricorda proprio la sensazione che provano  le persone affette da questa sindrome.


Commenti

Lascia un commento